Iscriviti alla Newsletter :

Consulta il Blog e iscrivi la tua email: puoi ricevere direttamente informazioni sullo sviluppo della situazione umanitaria e geopolitica della regione rimanendo aggiornato sull'avanzamento dell' "Operazione Darfur".

Servizio by FeedBurner

I nostri aggiornamenti

04/02/10

La CPI e l'accusa di genocidio per il Presidente del Sudan - Analisi

Fonte: Corte Penale Internazionale (Francese/Inglese)
Sintesi: CoordinazioneDarfur; con la collaborazione del Prof. Paolo De Stefani (UNIPD)

In sintesi:

Il 3 febbraio 2010 la Corte d'Appello della Corte Penale Internazionale all'Aja, riunita su richiesta del Procuratore L. Moreno Ocampo, si è pronunciata in merito al caso Al Bashir annullando all'unanimità la decisione presa dalla Prima Camera Preliminare il 4 marzo 2009. Allora la Corte aveva statuito di non includere l'imputazione di genocidio tra i capi d'accusa elencati nel mandato d'arresto internazionale all'incontro del Presidente sudanese.

Con questa decisione la Camera d'Appello chiede alla Camera Preliminare di pronunciarsi di nuovo riguardo al mandato, per sapere se debba o meno venire ampliato e comprendere anche questa ultima imputazione.

Il mandato d'arresto attuale - che rimane in vigore - comprende numerosi capi d'accusa tra i quali crimini di guerra e contro l'umanità.(dettagli sui mandati sul sito dell'ICC)

Analisi:

La Coordinazione Darfur ha chiesto un approfondimento su questa vicenda al Professore Paolo De Stefani dell'Università di Padova - Centro Diritti Umani. L'articolo che abbiamo l'onore di presentare è disponibile per la consultazione qui. Teniamo a ringraziare con forza l'autore per la sua grande disponibilità, dimostrata in numerose occasioni.

SEGUICI IN RSS TWITTER FACEBOOK

Operazione Darfur è un iniziativa della Coordinazione Attività Umanitarie - Croce Rossa Italiana, Comitato Provinciale di Padova con la collaborazione del Segretariato Italiano Studenti di Medicina di Padova, il Parlamento Europeo degli Studenti, Joomla! Veneto e dell'Associazione culturale Stultiferanavis di Venezia.

Questo progetto è stato finanziato grazie a donazioni private, alla Provincia di Padova e al Bando nazionale 2008 del SISM.