Iscriviti alla Newsletter :

Consulta il Blog e iscrivi la tua email: puoi ricevere direttamente informazioni sullo sviluppo della situazione umanitaria e geopolitica della regione rimanendo aggiornato sull'avanzamento dell' "Operazione Darfur".

Servizio by FeedBurner

I nostri aggiornamenti

01/12/09

Ostaggi francesi: la tensione sale

Fonte: AFP, Reuters (Inglese)
Traduzione e sintesi: Coordinazione Darfur

Un gruppo paramilitare, i "Falcons for the Liberation of Africa", avrebbe affermato all'AFP di tenere in ostaggio tre dei quattro francesi rapiti in questi ultimi 40 giorni alla frontiera sudanese. Sarebbero nelle loro mani i due cooperanti di Triangle e l'agronomo del CICR.

"Vogliamo negoziare direttamente con la Francia ma la Francia rifiuta preferendo negoziare tramite terzi, il Ciad. Noi rifiutiamo questo stato di cose."
"Li uccideremo perché la Francia non sta negoziando direttamente con noi."


Il portavoce del gruppo avrebbe rivendicato anche il ruolo dei "Falcons" in altri episodi di sequestri di cittadini francesi che lavorano nelle ONG. Secondo quest'uomo la motivazione dietro i rapimenti sarebbe di tipo politica e non economica, come lo lacia invece pensare la richiesta arrivata al CICR promettendo la liberazione di un ostaggio in cambio di pagamento. Il gruppo afferma voler fare pressione sulla Francia per un cambio della sua politica nella regione.

La Francia possiede importanti forze militari in Ciad (cosi come in altri paesi della zona) e si è spesso adoperata per mantenere al potere l'attuale regime: spesso destabilizzato dai ribelli o dalle infiltrazioni di guerriglieri sudanesi. Le posizioni del governo di Parigi in relazione al conflitto in Darfur sono pure ben note e hanno attirato le ire del Sudan.

SEGUICI IN RSS TWITTER FACEBOOK

Operazione Darfur è un iniziativa della Coordinazione Attività Umanitarie - Croce Rossa Italiana, Comitato Provinciale di Padova con la collaborazione del Segretariato Italiano Studenti di Medicina di Padova, il Parlamento Europeo degli Studenti, Joomla! Veneto e dell'Associazione culturale Stultiferanavis di Venezia.

Questo progetto è stato finanziato grazie a donazioni private, alla Provincia di Padova e al Bando nazionale 2008 del SISM.