Iscriviti alla Newsletter :

Consulta il Blog e iscrivi la tua email: puoi ricevere direttamente informazioni sullo sviluppo della situazione umanitaria e geopolitica della regione rimanendo aggiornato sull'avanzamento dell' "Operazione Darfur".

Servizio by FeedBurner

I nostri aggiornamenti

19/09/09

Più di 50.000 sfollati a Khartoum per le "peggiori" alluvioni sucesse.

Fonte: Federazione Internazionale della Croce Rossa (FICR)
Traduzione: Coordinazione Darfur



Più di 50.000 persone sono state sfollate in seguito a quello che le agenzie umanitarie hanno descritto come la peggiore inondazione da anni nella provincia di Khartoum in Sudan. L'annuncio è stato fatto dalla Federazione internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (IFRC) questo venerdì (18/09/09).

Venti persone sono rimaste uccise e 30 ferite nelle inondazioni secondo il bilancio delle autorità sudanesi. Piogge torrenziali insolite nel mese di agosto hanno causato alluvioni lampo che hanno travolto migliaia di abitazioni precarie della provincia capitale del Sudan.

"Intere comunità di Khartoum sono rimaste senza riparo quando 20.000 abitazioni precarie non hanno resistito alla forza delle acque dopo la pioggia incessante di sei ore il 26 agosto" dice il comunicato del CICR.

La FICR afferma che l'allagamento ha danneggiato gli ospedali e le scuole, alcune strade e ponti, ostacolando cosi la consegna degli aiuti.

Con le altre piogge torrenziali attese nei prossimi mesi, l'IFRC ha avvertito che i problemi di spostamento e di malattia sono destinati a peggiorare.

Per la scarsità di sistemi di drenaggio e le fogne sommerse, l'IFRC avverte che un focolaio di malattie trasmesse dall'acqua potrebbe avere conseguenze disastrose.

"Il rischio dello sviluppo di malattie dalle acque provenienti dai pozzi d'acqua stagnante e dalle fogne crollate è imminente per migliaia di persone che vivono nella capitale se aiuti maggiori non sono imminenti", ha detto il dottor Dietrich Ficher capo della delegazione della FICR a Khartoum.

Malattie mortali come il colera, la malaria, l'epatite A spesso affliggono le popolazioni sfollate quando c'è un guasto nel sistema di trattamento delle acque.

La FICR ha annunciato aver urgentemente bisogno di assistenza per la risposta d'urgenza per un importo di 1.923.503 franchi svizzeri (1,89 milioni dollari / 1.29 milioni di euro).

Durante i prossimi cinque mesi, la Mezzaluna Rossa prevede di distribuire dei kit di soccorso supplementari ad un totale di 15.000 persone e di creare centri sanitari mobili.

SEGUICI IN RSS TWITTER FACEBOOK

Operazione Darfur è un iniziativa della Coordinazione Attività Umanitarie - Croce Rossa Italiana, Comitato Provinciale di Padova con la collaborazione del Segretariato Italiano Studenti di Medicina di Padova, il Parlamento Europeo degli Studenti, Joomla! Veneto e dell'Associazione culturale Stultiferanavis di Venezia.

Questo progetto è stato finanziato grazie a donazioni private, alla Provincia di Padova e al Bando nazionale 2008 del SISM.