Iscriviti alla Newsletter :

Consulta il Blog e iscrivi la tua email: puoi ricevere direttamente informazioni sullo sviluppo della situazione umanitaria e geopolitica della regione rimanendo aggiornato sull'avanzamento dell' "Operazione Darfur".

Servizio by FeedBurner

I nostri aggiornamenti

10/08/09

Calo dell'attenzione sul Darfur: Analisi e reazione

Fonte: TechCrunch
Analisi a cura della Coordinazione Darfur

Dalla fine della campagna presidenziale americana, e finito il "boom mediatico" seguito all'emissione del mandato d'arresto internazionale contro il Presidente Sudanese, si nota un'inesorabile crollo dell'attenzione dei media e dell'opinione pubblica internazionale sulla crisi del Darfur. Questo trova anche conferma nella diminuzione della frequenza delle iniziative di solidarietà organizzate sia in Europa che negli Stati Uniti.

Molto a contribuito a questo stato di cose la crisi economica e il suo impatto sulle NGO e i collettivi cittadini.

Dalle testimonianze che ci giungono dal campo, il conflitto armato non sarebbe più nella sua fase più cruenta da alcuni mesi ormai (fortunatamente) ma sembra invece diffondersi sul terreno una situazione di "anarchia superficiale" che nasconde dinamiche ben organizzate che profittano alla malavita e ad alcuni gruppi armati. Nello schieramento ribelle alcune fazioni poco fa minoritarie sembrano ormai aver affermato la propria supremazia sia politica che militare. Sembrerebbe che questo fatto sia dovuto anche al sostegno ricevuto da alcune nazioni e da alcuni gruppi in seno al etablishment sudanese; e nonostante gli sforzi della diplomazia occidentale.

Politicamente l'attenzione sembra ora concentrarsi verso le elezioni in Sud Sudan previste per l'anno prossimo e più nell'immediato sulle conseguenze del mandato d'arresto della CPI sulla libertà di movimento dei più alti governanti sudanesi.

La crisi umanitaria invece rimane stabile. Sembra che il vuoto umanitario provocato dall'espulsione nei mesi scorsi di numerose ONG si stia colmando con la ri-concessione di visti ad alcune di queste e l'arrivo di nuove forze. In questo panorama il movimento della Croce Rossa - Mezza Luna Rossa e Cristallo Rosso sta facendo molto (vedi progetto della Croce Rossa Francese). Per poter lavorare, alla luce delle esperienze passate, la maggior parte delle Organizzazioni impegnate in Darfur è molto cauta nel comunicare sulla situazione umanitaria sul campo.

Un eccezione in questo panorama del silenzio si rivela essere la Google (il celebre motore di ricerca web) che ha annunciato di "updatare" e migliorare il suo applicativo Google Earth che permette di visualizzare l'estensione delle distruzioni in Darfur dal proprio computer di casa grazie alle immagini satellitari e le note realizzate in partenariato con l'United States Holocaust Memorial Museum di Washington (con il quale la Coordinazione Darfur a essa stessa collaborato) e diverse agenzie umanitarie.

Informazioni su questo servizio qui.

SEGUICI IN RSS TWITTER FACEBOOK

Operazione Darfur è un iniziativa della Coordinazione Attività Umanitarie - Croce Rossa Italiana, Comitato Provinciale di Padova con la collaborazione del Segretariato Italiano Studenti di Medicina di Padova, il Parlamento Europeo degli Studenti, Joomla! Veneto e dell'Associazione culturale Stultiferanavis di Venezia.

Questo progetto è stato finanziato grazie a donazioni private, alla Provincia di Padova e al Bando nazionale 2008 del SISM.