Iscriviti alla Newsletter :

Consulta il Blog e iscrivi la tua email: puoi ricevere direttamente informazioni sullo sviluppo della situazione umanitaria e geopolitica della regione rimanendo aggiornato sull'avanzamento dell' "Operazione Darfur".

Servizio by FeedBurner

I nostri aggiornamenti

28/04/09

La MINUAD non esclude un'ulteriore degradazione della situazione in Darfur.

Fonte: ONU, Reuters (Inglese)
Traduzione e sintesi: Coordinazione Darfur

Il Centro Notiziario dell'ONU rapporta i propositi di Rodolphe Adada, Capo dell'Operazione ibrida ONU/Unione Africana di mantenimento della Pace in Darfur secondo cui il Consiglio di Sicurezza dell'ONU dovrebbe mandare messaggi fermi e chiari alle parti coinvolte e presenta un resoconto per lo meno moderato dei successi della missione.

Rodolfe Adada ha poi tenuto ad avvisare il Consiglio di Sicurezza dell'ONU dei rischi di "rapida precipitazione della situazione" afermando di temere una "catastrofe umanitaria". Rodolfe Adada ha qualificato la situazione presente in Darfur di "conflitto a bassa entità in termini numerici attuali". Questa ultima analisi è stata immediatamente contestata da USA, Francia, Austria, Messico e da numerose Organizazioni Non Governative che chiedono alla MINUAD di includere nelle stime del numero delle vittime di questo conflitto anche le persone morte di malattia o violenze all'interno dei campi di sfollati e non soltanto il numero di vittime dirette dei combattimenti.

La MINUAD sta per cambiare alcuni dei propri vertici. La missione esiste da circa 15 mesi ed è ora dispiegata ai 2 terzi. Si stima che alla fine 2009 avrà raggiunto il 92% della forza prevista.

La MINUAD stima che attualmente in Darfur muoiano 150/200 persone al mese per conseguenza diretta dei combattimenti di cui un terzo sarebbero civili.

Leggi l'articolo originale del Centro Informazione ONU (Francese)

SEGUICI IN RSS TWITTER FACEBOOK

Operazione Darfur è un iniziativa della Coordinazione Attività Umanitarie - Croce Rossa Italiana, Comitato Provinciale di Padova con la collaborazione del Segretariato Italiano Studenti di Medicina di Padova, il Parlamento Europeo degli Studenti, Joomla! Veneto e dell'Associazione culturale Stultiferanavis di Venezia.

Questo progetto è stato finanziato grazie a donazioni private, alla Provincia di Padova e al Bando nazionale 2008 del SISM.