Iscriviti alla Newsletter :

Consulta il Blog e iscrivi la tua email: puoi ricevere direttamente informazioni sullo sviluppo della situazione umanitaria e geopolitica della regione rimanendo aggiornato sull'avanzamento dell' "Operazione Darfur".

Servizio by FeedBurner

I nostri aggiornamenti

10/03/09

Attacco all'UNAMID e sequestri di aiuti umanitari

Fonte: Reuters 1, Reuters 2, BBC, Reuters 3, AFP (Inglese)
Traduzione e sintesi: Coordinazione Darfur

West Darfur: Quattro membri del contingente di Pace a guida mista ONU/Unione Africana dispiegato in Darfur sono rimasti feriti, uno ersa in gravi condizioni, quando il loro mezzo è stato preso di mira da alcuni guerriglieri al ritorno di una pattuglia. L'attacco non è stato rivendicato. Si tratta della prima inboscata di questo tipo dall'emissione del mandato d'arresto contro il Presidente Sudanese da parte della Corte Penale Internazionale.

Ricordiamo che in Darfur ci sono numerosi gruppi armati che si scontrano: eserciti ribelli, forze regolari sudanesi, milizie pro governative, banditi, falangisti appartenenti a diversi gruppi etnici...

Nel contempo fonti ONU riferiscono come il Sudan stia confiscando mezzi logistici e aiuti dell'organizzazione. Esprimendo forte preocupazione per il vuoto lasciato sul campo dall'espulsione di 13 ONG nei giorni scorsi, John Holmes, responsabile degli affari umanitari dell'Organizazione ha annuncia che richieste saranno presto formulate al Sudan in merito. Ai giornalisti Holmes ha poi precisato che ne le Nazioni Unite ne il Sudan sono in grado di rimpiazzare il lavoro delle ONG espulse e che molti programmi d'aiuto non possono essere garantiti lasciando popolazioni intere senza sostegno.

SEGUICI IN RSS TWITTER FACEBOOK

Operazione Darfur è un iniziativa della Coordinazione Attività Umanitarie - Croce Rossa Italiana, Comitato Provinciale di Padova con la collaborazione del Segretariato Italiano Studenti di Medicina di Padova, il Parlamento Europeo degli Studenti, Joomla! Veneto e dell'Associazione culturale Stultiferanavis di Venezia.

Questo progetto è stato finanziato grazie a donazioni private, alla Provincia di Padova e al Bando nazionale 2008 del SISM.