Iscriviti alla Newsletter :

Consulta il Blog e iscrivi la tua email: puoi ricevere direttamente informazioni sullo sviluppo della situazione umanitaria e geopolitica della regione rimanendo aggiornato sull'avanzamento dell' "Operazione Darfur".

Servizio by FeedBurner

I nostri aggiornamenti

25/09/08

Unione Europea: ferma condanna degli atacchi e dell'uso di "bombardieri bianchi".

Bruxelles, 23 settembre 2008
Comunicato stampa 13276/08 (Presse 267)
P 120/08 (leggi la dichiarazione originale in francese)
Traduzione Coordinazione Darfur

L'Unione europea invita le autorità sudanesi a porre immediatamente fine alle
operazioni militari che hanno iniziato pochi giorni fa nel Darfur.

Essa condanna l'uso di aerei bianchi in queste operazioni, che è deliberatamente destinato a creare confusione con i colori degli aerei delle Nazioni Unite.

L'Unione europea è particolarmente preoccupata per il fatto che i programmi di aiuto umanitario siano dovuti essere interrotti in queste aree, in particolare nel Jebel Marra.

L'Unione europea invita tutte le parti ad onorare incondizionatamente il cessate il fuoco
e i loro impegni. Devono rispettare il diritto internazionale umanitario, i diritti stabiliti nelle Convenzioni cosi come le risoluzioni del Consiglio di sicurezza. In particolare, devono garantire che gli operatori umanitari e l'UNAMID abbiano libero accesso a queste aree e che l'UNAMID sia libera di svolgere il suo mandato di protezione dei civili.


Per saperne di più sugli aerei bianchi del Darfur: leggi l'articolo del NewYork Times (Inglese)


Discorso del Presidente di turno dell'UE alle Nazioni Unite: il caso Darfur citato.
guarda il video in francese

SEGUICI IN RSS TWITTER FACEBOOK

Operazione Darfur è un iniziativa della Coordinazione Attività Umanitarie - Croce Rossa Italiana, Comitato Provinciale di Padova con la collaborazione del Segretariato Italiano Studenti di Medicina di Padova, il Parlamento Europeo degli Studenti, Joomla! Veneto e dell'Associazione culturale Stultiferanavis di Venezia.

Questo progetto è stato finanziato grazie a donazioni private, alla Provincia di Padova e al Bando nazionale 2008 del SISM.